Espositori 2019

birroteca con cucina

I 4 FOLLI, gusto del bello, del buono e dell’utile.

Oggi Vi raccontiamo una storia di….

birra, passione e aggregazione, quella della Birroteca con cucina   I 4 FOLLI.

Il progetto di questo locale, birroteca con cucina, aperto dalla primavera di quest’anno a Sordevolo, nasce dall’incontro di esperienze diverse che condividono la sensibilità per il gusto del bello, del buono e dell’utile.

L’intento è di promuovere lo sviluppo del tessuto sociale del paese e del territorio attraverso eventi culturali e sportivi, cucina e turismo.

L’obiettivo principale è quindi rendere i locali de “i4F” non solo un ristorante ma un luogo polifunzionale e motivare il turismo locale ed esterno a raggiungere le Valli Biellesi per scoprirle fino in ogni loro dettaglio.

La Birroteca con ristorante I 4 FOLLI propone ottimo cibo, buona musica e un ambiente piacevole e raffinato, adatto anche per le Festività natalizie, con speciali Menù di Natale e Capodanno.

Nella casetta n.27 del Mercatino degli Angeli trovate oltre a una vastissima selezione di Birre di Natale, la birra de I 4 FOLLI, “BirrachePassione”, dedicata all’evento teatrale che si ripeterà nel 2020, che è stata presentata ufficialmente nella prima domenica di apertura.

Potrete inoltre degustare una vera delizia: i Diavoletti.

Secondo una ricetta antica, sono biscotti fatti a mano, con farina integrale, mandorle, nocciole di magnano e ciliegie candite, cotti in forno a legna.

Per i Vostri regali natalizi gustosi potrete scegliere tra pacchi e cesti, con bottiglie particolari e per riscaldarVi potrete assaggiare il Surdeivugrog, un tipo di punch con liquore Lyskamm e succo di mele della Soleggiata di Cerrione.

Spiccano inoltre per originalità il Panettone alla Birra confezionato e i mieli biellesi de L’APEritiva di Mongrando.

Condividi sui Social!
zafferano nocciole

RossoZafferano , prodotti con la saggezza di ieri e la consapevolezza di oggi .

Oggi Vi raccontiamo una storia di ….

terreni di famiglia, saggezza del passato e impegno per un futuro migliore, quella di Rossozafferano.

E’ una realtà avviata che in soli due anni si occupa principalmente della coltivazione e della trasformazione di zafferano, nocciole, erbe aromatiche, rose antiche e lavanda.

Nelle colline del Monferrato, a Moncalvo, è stata così data nuova vita ai terreni di famiglia ormai abbandonati da tempo.

Rossozafferano adotta un sistema di agricoltura naturale, portata avanti col cuore, quindi rispettosa della natura e dell’uomo, come si faceva un tempo, tutta manuale.

Per apportare preziosi nutrienti fondamentali per lo sviluppo di piante sane, hanno ad esempio adottato l’antica pratica del sovescio.

E’una tecnica che consiste nel far crescere specifiche colture che vengono poi interrate e, una volta trasformate nel terreno, ne migliorano la fertilità e la resistenza ai patogeni.

Inoltre, si prendono cura delle piante da frutto di varietà antiche e alcune anche un po’ dimenticate come le profumatissime mele cotogne e le dolci more di gelso da cui ottengono deliziose e particolari confetture.

Per la prevenzione e la cura delle malattie delle piante usano semplicemente estratti naturali (come, ad esempio, la propoli o macerati di piante specifiche) e nessun prodotto chimico.

Si occupano anche con amore delle indispensabili api in una continua ricerca del miglior ambiente possibile per il loro sviluppo e la loro salute.

Al Mercatino di Sordevolo porteranno lo zafferano in stimmi, confetture particolari, i mieli aromatizzati allo zafferano, alla rosa e alla lavanda, anche in confezioni regalo assortite.

Particolari e sempre molto apprezzati sono i prodotti derivati dalla raccolta del noccioleto.

L’olio di nocciola è davvero ottimo sulla carne cruda, sulla pasta fresca ecc…

Per gli amanti delle dolci prelibatezze segnaliamo invece le nocciole con il miele, la crema di miele e nocciole e la naturalissima crema gianduia al 50% nocciola.

Al Mercatino degli Angeli saranno tra gli espositori solo domenica 15 dicembre, non perdete l’occasione di apprezzare i loro speciali prodotti.

Per approfondire  http://www.rossozafferanomoncalvo.com/

Condividi sui Social!
ceramica raku

Nella ceramica raku di Hiromi fascino finlandese e giapponese

Oggi Vi raccontiamo una storia di…

ceramica raku, originalità antica e design contemporaneo.

La storia di Hiromi è molto affascinante e insolita: è di Valdengo, ma di origine metà giapponese e metà svedese.

Ha sempre avuto una passione sfrenata per il fatto a mano.

A scuola, fin da piccola, sviluppa una spiccata attitudine nel lavorare la creta e la ceramica.

Pochi anni fa, decide di investire più tempo in questa attività e di specializzarsi nell’utilizzo tornio con degli stili sempre diversi, dando vita a numerose tipologie di oggetti: orologi, ciotole, pezzi di decorazioni.

Utilizza una tecnica di lavorazione della ceramica che si chiama Raku, termine derivante dal nome di una delle più autorevoli famiglie di mastri vasai (Rikyu) e che significa letteralmente “Vivere con gioia e armonia la natura”.0′

L’origine di questa tipica ceramica artistica viene fatta risalire al Giappone del XVI secolo ed è parte integrante di una delle più significative tradizioni nipponiche: la cerimonia del tè.

La ceramica raku è ottenuta con una particolare seconda cottura  dell’argilla che viene effettuata in un forno a gas.

Il pezzo viene estratto a caldo con speciali pinze, indossando protezioni contro l’elevato calore e viene quindi posto in un contenitore metallico contenente segatura, foglie o carta.

Il contatto provoca l’accensione di una fiamma che produce una riduzione di ossigeno con conseguente formazione di particolari lustri nella smaltatura e annerimento delle parti non colorate.

La sua cottura  è davvero particolare e coinvolgente.

Una volta cotti una prima volta in un forno a gas o elettrico, successivamente smaltati e nuovamente cotti nel forno a gas alla temperatura di 960°C circa, gli oggetti artigianali vengono estratti incandescenti e sottoposti al processo di riduzione

Lo shock termico è la differenza principale tra la classica ceramica italiana e il raku: la prima si lascia raffreddare nel forno mentre il secondo viene estratto a caldo.

Questi processi della lavorazione conferiscono   un’affascinate imprevedibilità alla tecnica raku.

Ogni volta che viene estratta dalla segatura una creazione e viene passata sotto l’acqua non mancano mai le sorprese cromatiche.

Ciò, unitamente alla lavorazione artigianale dell’argilla, rende visibilmente unica ogni creazione.

Ogni oggetto ha una sua storia: è irripetibile e acquisisce valore e bellezza proprio per questa ragione.

La produzione raku di Hiromi è adatta a tutti coloro che amano avere in casa oggetti dal design minimalista ma ricercato.

I suoi oggetti sono molto semplici, squadrati, dalle linee dritte (questa è l’influenza della cultura svedese) oppure (secondo l’influenza di quella giapponese) sono più ricchi di particolari, con caratteri animati.

Al Mercatino degli Angeli porterà tante proposte diverse, come statue, orologi con design particolare, ma anche i quadri, alcuni a tema natalizio ed originalissime luci con angeli dentro.

Non perdete l’occasione di conoscere Hiromi e il suo estro a Sordevolo solo domenica 15 Dicembre.

Condividi sui Social!
saponi artigianali

Un appuntamento sempre gradito con I saponi artigianali dell’Ape Speziale

Oggi Vi raccontiamo una storia di…

saponi artigianali e unguenti, quella dell’Ape speziale.

Facciamo due chiacchiere con Elisabetta, la titolare dell’officina artigianale di Cossila San Grato, in provincia di Biella.

Ha scoperto la sua passione grazie ad un corso a Vermogno con una maestra saponaia di Biella, da lì è nato lo slancio, che con tutte le ovvie difficoltà, circa 7 anni fa, l’ha portata ad aprire un piccolo laboratorio artigianale per la produzione di saponi, unguenti, dentifrici in polvere naturali.

Cerca di fare tutto in collaborazione con produttori locali, impiegando materie prime del territorio, senza olii tropicali, ma quasi unicamente olio di oliva mediterraneo e in particolare ad Elisabetta preme utilizzare cere d’api e mieli biologici di produttori locali.

Ad  esempio per ottenere un sapone artigianale delicatissimo per pelli sensibili, adatto ai bambini, prende il Latte di capra all’azienda agricola Ca’ d’Andrei a Case Code di Sagliano Micca mentre la Birra Un Terzo di Pralungo conferisce al sapone shampoo la proprietà di rendere i capelli più forti e lucidi.

Quindi in questi prodotti dell’Ape Speziale l’acqua viene quasi totalmente sostituita da birra o latte appunto.

Gli unguenti vengono addensati a bagno maria, senza nessun procedimento chimico e sono a base di cera d’api, propoli, canfora naturale estratta dalla pianta.

Molto particolare è il Dentifricio naturale in polvere a base di menta e salvia officinali, bicarbonato di sodio micronizzato (la micronizzazione è importante per non ledere lo smalto dei denti), olio essenziale di menta piperita .

Per la salute e l’igiene di tutta la bocca, oltre all’azione disinfettante e antibatterica lascia una piacevolissima sensazione di freschezza.

I saponi esfolianti hanno invece una connotazione quasi “commestibile”, sanno di caffè, camomilla, olii essenziali, tutti ingredienti di ottima qualità che possono incontrare i gusti di ognuno.

Riguardo al Mercatino degli Angeli, Elisabetta ci dice:

Da sei anni vengo a Sordevolo, non faccio mercatini abitualmente, perché collaboro con negozi e vendo online, ma per me parteciparvi è una questione di cuore, mi sono sempre trovata molto bene sono tutti sempre gentilissimi!

Conto di esserci tutte le domeniche e di ripetere la piacevole esperienza .”

Troverete tutta la gamma di prodotti de L’ape Speziale in packaging assolutamente plastic free e anche in confezioni regalo miste, che potrete farvi personalizzare scegliendo i prodotti da inserire in base ai gusti personali o a quelli del destinario.

Potete anche visitare online il sito www.apespeziale.it

 

 

Condividi sui Social!

Il Piacere della lentezza nei prodotti di bellezza Le Lumache di Elia

Oggi Vi raccontiamo una storia di …

impegno, amore per la natura e per le lumache, quelle di Elia.

Parliamo con Christian Andrea, responsabile di una piccola realtà imprenditoriale Le Lumache di Elia , nel cuore della provincia di Biella, dove la pianura incontra le montagne ed i profili aspri si specchiano nelle terre d’acqua delle risaie.

Nei campi di Gifflenga, con un’estensione di circa un ettaro, è stata avviato da alcuni anni un allevamento di elicicoltura a ciclo di vita completo, all’aperto e su terreno libero, per la produzione di prodotti di cosmesi a base di bava di lumaca.

Questo metodo introduce le chiocciole riproduttori in appositi recinti dove si accoppieranno e moltiplicheranno, all’aperto appunto, garantendo la qualità del prodotto ma anche il benessere stesso degli animali: infatti al coperto la chiocciola è danneggiata dalla presenza di eccessiva anidride carbonica e dalla scarsa umidità.

Christian ci dice:

Qui i nostri desideri di lavorare a contatto con la natura e di valorizzare la nostra terra hanno avuto realizzazione.

La nostra scelta di ricreare condizioni davvero naturali si completa con l’esclusione di antiparassitari, concimi, o presidi chimici di nessun tipo, che danneggerebbero la lumaca e non garantirebbero una bava biologica e naturale.

Non facciamo uso di mangimi ma coltiviamo il terreno seguendo la stagionalità e creando l’habitat naturale della lumaca: coste, ravizzone, colza, cavolo cavaliere e girasole.

Il nostro obiettivo è stato negli anni unire il piacere di lavorare la nostra terra all’ambizione di creare un prodotto biologico, naturale ed efficace dedicato alla bellezza.

La coltivazione del riso è da sempre la coltura tradizionale del basso biellese: abbiamo così pensato di emulsionare l’olio di riso alla bava di lumaca, creando una combinazione naturale e vincente per un prodotto unico, a forte matrice locale.”

 

– Siamo curiosi di conoscere l’origine del nome “Le lumache di Elia”.

“Le lumache di Elia è stato scelto in onore di mio figlio: quando nacque io rimasi senza lavoro e dovetti reinventarmi una professione, così nacque questa attività per il  piacere di stare all’aria aperta e in famiglia”.

Le proprietà curative della bava di lumaca sono note fin dall’antichità.

Già Ippocrate consigliava il suo utilizzo per il trattamento delle escoriazioni.

Era usanza contadina avvalersi delle lumache per curare disturbi gastrici.

Gli studi scientifici dermatologici e la letteratura recente dimostrano le sue qualità curative, lenitive e anti-invecchiamento.

Le sostanze preziose in essa contenute, come acido glicolico, collagene, elastina, proteine, vitamine A ed E, permettono di rigenerare e riparare i tessuti cutanei.

Christian sarà a Sordevolo solo domenica 15 dicembre e proporrà al Mercatino degli Angeli  la sua linea di prodotti di cosmesi “Coquillage”: crema viso, siero, crema mani e una crema corpo, adatti a tutti i tipi di pelle, completamente naturali, senza additivi chimici e con una percentuale molto alta di bava di lumaca, fino al 98%.

E’ in progetto inoltre per il nuovo anno, una linea dedicata alle Estetiste per trattamenti di bellezza e curativi, da fare in cabina, ad uso professionale.

Potrete approfondire l’interessante mondo di Christian sul sito www.lelumachedielia.com

 

 

 

Condividi sui Social!

Profumo, colore e benefici di una pianta mille usi, la Lavanda di Lu.

Oggi Vi raccontiamo una storia di…

coltivazione ecologica, olio essenziale e di profumazione inconfondibile, quella della Lavanda di Lu.

Sergio Amadori, il titolare, ci racconta che aveva un pezzo di terra incolta di proprietà della sua famiglia a Lu Monferrato, storicamente coltivato a vigneto.

Cinque anni fa decise di tentare la coltivazione della lavanda, pianta di cui si era appassionato, approfondendo la conoscenza e studiandone le esigenze di crescita.

Fece quindi un test con 800 piantine.

La location risultò ideale in quanto il campo è in pendenza sulle dolci colline del Monferrato: l’acqua scivola via non stagnando nel terreno.

Il numero di piantine impiantate è cresciuto negli anni fino ad arrivare alle 13.000 di quest’anno.

Questa piantagione conferisce alla collina un colpo d’occhio davvero suggestivo per la bellezza dei suoi fiori, che da giugno a settembre, la tappezzano di lunghe spighe fiorite in sfumature viola-blu, saturando l’aria col loro profumo intenso.

Pianta tipica della macchia mediterranea, la lavanda è nota fin dai tempi antichi per le sue virtù curative, racchiuse nelle infiorescenze ricche di tannini, flavonoidi, acido ursolico e sostanze amare, oltre a un olio essenziale dalle molteplici proprietà.

Già nell’antichità Greci e Romani ne usavano i fiori sia nell’igiene quotidiana – versandoli nell’acqua dei bagni termali – che per ricavarne infusi curativi e oli balsamici per migliorare la salute e la bellezza di pelle e capelli, e proprio da queste qualità la pianta deriva il suo nome botanico (Lavandula officinalis), ricavato dal gerundio del verbo latino lavare.

Sergio coltiva La lavanda di Lu in modo ecologico, tutto a mano, senza l’utilizzo di prodotti chimici, senza pesticidi e diserbanti.

Viene raccolta appunto a mano nel periodo di piena fioritura e in parte fatta essiccare raccolta in mazzetti, per poi essere sgranata manualmente e racchiusa in sacchetti confezionati artigianalmente con tessuti ricercati per meglio esaltarne la profumazione.

Altra parte del raccolto viene trasformata con estrazione a mezzo corrente di vapore tramite una Cooperativa in olio essenziale.

E’ uno degli olii essenziali più usati, in quanto tra i più delicati.

L’olio essenziale di lavanda è infatti il simbolo dell’aromaterapia.

Può essere impiegato per dormire meglio, per le punture di insetti, per massaggi rilassanti e decontratturanti.

Seconda presenza per Sergio al Mercatino degli Angeli che quest’anno porterà, oltre a questi due prodotti, anche vasetti di miele di lavanda, prodotto da un apicoltore che ha installato una decina di arnie nel suo campo.

Anche l’analisi di questo miele conferma la totale assenza di qualsiasi pesticida o prodotto chimico.

Domenica 24 novembre e domenica 1 dicembre troverete quindi: olio essenziale, saponette, miele e piccole creazioni con sacchettini di varie forme e bustine profumate di lavanda per pensieri di Natale profumati.

Condividi sui Social!
miele biellese

Dalla natura, con la natura: ecco Biella Miele

Oggi Vi raccontiamo una storia di …

api, rispetto per la natura e di unione di intenti, quella di Biella Miele.

Ispirandosi ad una delle società animali meglio organizzata, che conoscono bene, tre apicoltori decidono di unire le forze per distribuire i loro prodotti con unico marchio, Biella Miele in un’ottica di territorialità del prodotto.

Cosa hanno in comune Davide Micheletti, Igor Petracco e Alberto Leone?

L’attenzione al territorio, un grande rispetto per il benessere delle api e soprattutto l’obiettivo di un miele con un’attenta selezione delle caratteristiche organolettiche.

Credono in un’apicoltura di qualità, in ambienti incontaminati.

Solamente lontano da fonti di inquinamento, infatti, le api possono prosperare e offrire il frutto del loro lavoro.

Quindi per ottenere il meglio, le arnie vengono spostate in montagna sulle Alpi Biellesi e in alcuni periodi anche verso la Valle d’Aosta.

I mieli di Biella Miele inoltre non vengono raccolti su fioriture da coltivazioni intensive, prediligendo perciò la qualità a scapito della quantità.

Saranno espositori al Mercatino degli Angeli per la prima volta quest’anno come gruppo per farsi conoscere.

Porteranno a Sordevolo tutte le domeniche della manifestazione miele di acacia della zona, della provincia di Biella, miele di tiglio, di castagno e alcuni mieli   più particolari aromatizzati alla cannella e allo zenzero.

Per approndimenti visitate il sito www.biellamiele.it

 

Condividi sui Social!
sordevolo dove la passione opera

“SORDEVOLO DOVE LA PASSIONE OPERA”

 Il libro dedicato ad un paese unico al mondo

Testi brevi, ma completi, corredati da oltre 250 immagini a colori, raccontano il paese di Sordevolo e la Valle dell’Elvo.

Un viaggio speciale, tutto biellese tra storia, buona cucina e intrattenimenti sportivi e culturali.

Un’attenzione singolare all’antico e coinvolgente spettacolo di teatro popolare sulla Passione di Cristo, che ha reso Sordevolo un unicum al mondo.

Da più di duecento anni infatti, ogni cinque anni, va in scena qui il testo teatrale della Passione di Cristo, redatto alla fine del ‘400 sulla base di antichi laudari, e già rappresentato nel ‘500 a Roma nel Colosseo.

In un anfiteatro con 2400 posti coperti e 4.000 mq di scena, lo spettacolo coinvolge 100 attori non professionisti e 400 comparse con 14 cavalli: uno sforzo organizzativo enorme per un paese che conta solo 1300 abitanti.

Tutto questo in un libro di piacevole lettura, dove i testi, precisi e puntuali, sono corredati da oltre 250 immagini a colori, da mappe, informazioni turistiche e utili suggerimenti per il visitatore.

Come mai un libro ? E perché Sordevolo dove la passione opera ?

Ne parliamo con Marco Roggero, uno degli autori .

Nel libro si parla del paese, del territorio, delle attività sportive, dell’enogastronomia, di promozione del nostro Territorio.

Ci siamo accorti che viene fatta molta promozione nei periodi della Passione per il paese e il Territorio, ma nei 4 anni che intercorrono tra le rappresentazioni, l’attenzione va calando.

Abbiamo progettato quindi uno strumento immediato che ci consentisse di promuovere Sordevolo in chiave turistica.

Ho effettuato una cospicua raccolta di fotografie, anche grazie allo Studio Perini di Biella, che ha lavorato nelle ultime 3 edizioni della manifestazione, e ad un’altra decina di fotografi.

Per i testi, ho coinvolto anche un mio amico, Luigi Zai, appassionato di sociologia: lo spettacolo della Passione è a tutti gli effetti un fatto sociale, in quanto mette in moto una serie di dinamiche sociali che si rinnovano ogni 5 anni e creano un tessuto speciale nel paese, fatto di relazioni, con un fenomeno di “liquefazione sociale” che ne trasforma la struttura.

Si creano nuove amicizie, altre ne finiscono, così come sbocciano nuovi amori, altre si esauriscono, con una vivacità non frequente per un paese così piccolo.

Tutto questo ha creato una visione di Sordevolo diversa, da chi lo vede da fuori. 

Il paese si è mobilitato anche per la realizzazione del libro: un sacco di persone infatti hanno collaborato per informazioni utili.

Il risultato è buono, molto di più di quanto mi aspettassi, ed è stato sicuramente anche un momento di mia crescita personale.

 I testi sono molto snelli, è un libro di facile consultazione, che può servire anche da guida turistica per invitare a visitare i luoghi dove lo spettacolo nasce.

“Sordevolo dove la Passione opera” è in libreria da questo autunno e in vendita presso il Museo della Passione e la Biblioteca del paese.

Al Mercatino degli Angeli 2019 avrà anche uno stand dedicato dove sarà in vendita con uno sconto di 6 euro per i visitatori muniti di biglietto di ingresso.

 

 

Condividi sui Social!

I bijoux fatti a mano di Maria Ilva D’Agostini, unici ed originali.

Oggi Vi raccontiamo una storia di ….

di curiosità e di attitudine, la bigiotteria fai da te di Maria Ilva D’Agostini.

Creare gioielli con materiali non preziosi è una costante nel corso di tutta la storia.

Sin dai tempi antichi, infatti, l’uomo sente il desiderio di adornare il corpo con collane, bracciali e pendenti.

Nella preistoria troviamo creazioni fatte di ossa o denti di animali e di pietra, gli Egizi già lavoravano il vetro, mentre nell’antica Roma sono famose le “Perle Romane”, magistrali riproduzioni delle pietre preziose.

Nel 1892, poi, Daniel Swarovski crea i suoi famosissimi cristalli di vetro, segnando un punto di svolta epocale per la Bigiotteria.

Proprio il vetro e in particolare i cristalli Swarovski appunto sono i primi materiali con cui Maria Ilva D’Agostini, amante del decoupage, sperimenta i primi corsi oltre 15 anni fa per la realizzazione di bijoux fatti a mano.

La sua ricerca di nuovi modelli e materie prime è inesauribile: cerca ispirazione nelle numerose fiere di settore, come ad esempio Creattiva di Bergamo e Manualmente di Torino.

Prova quindi a creare nuovi modelli di collane in pietre dure, bracciali in ceramica greca con stili sempre molto giovanili e contemporanei.

Maria Ilva in riferimento alla sua quarta partecipazione ci dice:

“Durante l’anno espongo come hobbista anche in altri mercatini, ma il Mercatino degli Angeli in particolare mi piace perché in ogni edizione ci sono tanti espositori, tante cose belle e nuove, particolari, tutte fatte artigianalmente.

Qui ho tante amiche espositrici con le quali nel tempo mi ritrovo e mi confronto.

A Sordevolo viene sempre tanta gente e per di più si mangia bene. “

Tutte le domeniche alla casetta n. 20 troverete quindi i suoi bijoux, tanti orecchini, creazioni e addobbi natalizi, come fuori porta e ghirlande, davvero unici ed originali.

Condividi sui Social!
miniature

Cura dei dettagli e inventiva nelle miniature di Gaetano Fricano.

Oggi Vi raccontiamo una storia di…

minuzia, di plasticità e di cura dei dettagli, quella di Gaetano Fricano.

Giocare con i mattoncini colorati e costruire casette di compensato erano i suoi passatempi preferiti da piccolo, ma quando poco più che diciottenne è entrato in Finanza ha continuato nel tempo libero a coltivare l’hobby del legno.

A Biella tanti anni fa ha trovato oltre ad una sede di lavoro anche una moglie e molti colleghi che conoscendo le sue abilità l’hanno incoraggiato a dedicarsi alle miniature per il Presepe.

Per oltre dieci anni inoltre è stato socio attivo del Gruppo Hobbisti Biellesi , un’associazione  che promuoveva iniziative di carattere sociale, ricreativo e di valorizzazione del tempo libero .

Prendono vita, dalle sue mani, bellissime ambientazioni plastiche, riproduzioni della quotidianità umana, che possono assumere una grande valore simbolico nella tradizione di una famiglia, che tramanda i “pezzi” del Presepe di generazione in generazione.

Dalla base fino al tetto, tutto nelle miniature è creato da Gaetano: compra dai marmorini lastre di pietre grezze, le rompe a pezzettini e assemblea gli elementi con pazienza certosina.

Quest’anno partecipa per la prima volta da espositore ma ha visitato il Mercatino degli Angeli anni fa e lo ricorda come ben organizzato, molto curato con una bell’atmosfera.

In tutte le domeniche di questa diciottesima edizione porterà casette in pietra, creazioni in creta,  Cappellette con Madonna di Oropa, miniature per il Presepe e  idee regalo di legno di noce e mogano intagliati, come portachiavi, vasi, abatjour, mensoline , dosatori per sale e pepe.

 

Condividi sui Social!